Una cicatrice può disturbare postura e movimento, agendo sul piano neurologico e meccanico-tissutale. Prendersene cura è il primo passo per eliminare diversi tipi di dolori, non necessariamente collocati vicino alla cicatrice o ad essa riferibili. Scopriamo insieme perché!

Quando lesioniamo la cute o anche i tessuti più profondi (muscoli, viscere) andiamo ad innescare dei meccanismi di riparazione che vanno a riunire i tessuti con del tessuto connettivo. Tuttavia, quando questa tipologia di tessuto si trova a dover colmare uno spazio “non previsto” (come il taglio di una cicatrice), non si organizza sempre in modo adeguato e coerente alla sua funziona, ma capita che perda di elasticità e si concentri nei tessuti in modo anomalo e differente rispetto al suo comportamento abituale.

Età, predisposizione, tipologia di trauma, intervento e cura della ferita incidono sulle modalità di guarigione della cicatrice. A volte in questa zona di “disordine” viene alterato il flusso sanguigno, linfatico, i nervi di grosso calibro e piccole terminazioni nervose vengono bloccate ed intrappolate. Si crea, quindi, una zona di blocco dei tessuti i quali perdono elasticità e non sono più in grado di scorrere tra di loro. In questo caso parliamo quindi di “aderenza cicatriziale”. Ma non è sempre così: può anche accadere che la cicatrice sia mobile e non “aderente”, ma provochi comunque dolore ed è qui che possiamo parlare di “cicatrice attiva.

Come trattare, ad esempio, una cicatrice con aderenze? Come fin qui detto, può accadere che in più punti la cicatrice risulta poco mobile o completamente immobile rispetto ai tessuti sottostanti. In questi casi i tessuti possono andare in disfunzione causando (a seconda della localizzazione della cicatrice) ristagno linfatico, limitazione articolare, rigidità della cute e dolori riflessi anche in altre zone del corpo non collocate nelle dirette vicinanze della cicatrice.

La cicatrice può essere trattata a livello fisioterapico e massoterapico, sia funzionalmente che esteticamente. Esistono numerose tecniche di mobilizzazione cicatriziale e di trattamento anche con elettromedicali che possono migliorare fino a risolvere completamente le problematiche strutturali che comporta. La branca di fisioterapia dermatofunzionale invece si pone come obiettivo il miglioramento estetico della cicatrice andando a ridurre l’impatto visivo che questa ha sul nostro corpo, senza provocare dolore al paziente.

Come ben sappiamo, la cute è un tessuto vivo e se opportunamente stimolato è possibile ripristinare l’elasticità dei tessuti. Il trattamento di base è di tipo meccanico, dove tramite i seguenti interventi è possibile eliminare le aderenze, sia superficiali che più profonde:

  • Mobilizzazione Manuale
  • Coppettazione a vuoto e mobilizzazione
  • Tape Kinesiologico

Al di fuori dell’effetto puramente meccanico, tutte le metodiche hanno come scopo quello di stimolare i tessuti della cute nella produzione di nuove fibre collagene.

Non dimentichiamo mai di prenderci cura del nostro corpo! Contatta i fisioterapisti ed i massoterapisti del centro Vitality per ulteriori informazioni.

Dott.sa Valentina Bonfanti

Altri articoli che ti possono interessare

FEBBRAIO: RISVEGLIO EMOTIVO

Un viaggio nel Cuore dell'Esperienza Umana che inizierà con il mese di febbraio e culminerà mercoledì 6 marzo. Vitality Therapy Center è entusiasta di annunciare l'iniziativa "Febbraio: Risveglio emotivo", un mese dedicato alla celebrazione, all'esplorazione e alla...

IL PIEDE PIATTO INFANTILE

Per piede piatto si intende un piede che appoggia al suolo con tutta o gran parte della sua superficie plantare e con il calcagno pronato, cioè, deviato in valgismo rispetto alla tibia, con un eccessivo svolgimento dell’elica plantare. Il piede piatto è una condizione...

FOOD-PORN: QUESTIONE DI NEUROSCIENZA

Apicio, una sorta di chef stellato vissuto nell’epoca degli antichi romani, scriveva che “noi mangiamo prima di tutto con gli occhi”. Ebbene, le moderne ricerche di Neuroscienze confermano! In particolare, uno studio condotto da un team di ricercatori dell'Università...

ACQUISTA LA GIFT CARD E REGALA LA SALUTE AI TUOI CARI!

Non hai fantasia per i regali o sei a corto di idee? Ci pensiamo noi, scegli di regalare il BENESSERE! Vitality Therapy Center quest’anno ha pensato di offrirti l’opportunità di regalare diverse prestazioni tramite una semplice Gift Card! Acquistando la carta regalo,...

SPORTELLO GRATUITO: GIORNATA PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA SULLE DONNE

Ogni anno, il 25 novembre si celebra la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne ufficializzata dalle Nazioni Unite nel 1999. Inserito nel più ampio progetto di benessere psico-fisico promosso dal Vitality Therapy Center, con l’obiettivo...

Tanti sconti per Black Week

Inizia una settimana di super sconti dedicati a te e alla tua famiglia! Se prenoti entro il 24 novembre il tuo appuntamento, specificando che vuoi aderire alla promo BLACK FRIDAY, avrai diritto ad una consulenza fisioterapica GRATUITA o avrai la possibilità di...

LA PREVENZIONE ATTRAVERSO LE BUONE PRATICHE DI SALUTE

AL CASTELLO DI SUSA – 18 NOVEMBRE 2023 – ORE 15.00PRENDIAMOCI CURA DELLA TERZA ETA’Il 18 Novembre, Vitality Therapy Center (Centro di Primo Livello Riabilitativo in Valle di Susa), insieme al Comune di Susa, ha deciso di dar vita ad un appuntamento interamente...

VISITA MEDICO SPORTIVA AGONSITICA TRAMITE ASL

Tramite l'ASL TO3 possono essere richieste visite specialistiche per l’accertamento e la certificazione dell’idoneità alla pratica dello sport agonistico. Tali visite sono gratuite dai 12 anni compiuti fino ai 18 non compiuti. Cosa bisogna fare? Le visite vanno...

VOCE ALLE EMOZIONI!

La voce umana è uno dei principali vettori della comunicazione sociale e affettiva. Con il tono che usiamo possiamo trasmettere inconsapevolmente gioia, rabbia, tristezza e mille altre sfumature emotive e chi ascolta le nostre parole è perfettamente in grado di...

LA LABIOPALATOSCHISI

Prima di tutto, di cosa si tratta? La labiopalatoschisi, nota come “labbro leporino”, è una condizione che può generare malformazioni facciali molto diversificate fra loro. La diagnosi di labbro leporino è prenatale: già attraverso l’ecografia è possibile stabilire se...